19/11/21

Con un’ordinanza firmata dal Ministro della Salute, Roberto Speranza di concerto con il Ministro Enrico Giovannini sono state riviste le disposizioni a cui devono attenersi gli addetti ai trasporti e alla logistica.

In generale tra le principali novità introdotte, la richiesta che il Green Pass – per i servizi per i quali è previsto l’obbligo – sia controllato prima della salita a bordo del mezzo da personale incaricato. Si rimarca  inoltre la necessità di adeguate comunicazioni a bordo dei mezzi, aggiornate e ben visibili anche mediante cartelli, che indichino le corrette modalità di comportamento dell’utenza e con l’avviso che il mancato rispetto potrà comportare l’interruzione del servizio.

A seguire il dettaglio per ciascun mezzo di trasporto.

Trasporto Pubblico Locale
Riprenderanno i servizi di bigliettazione e controllo a bordo nel rispetto dei parametri di sicurezza. Sarà ripristinato l’utilizzo delle porte anteriori per la salita sui bus. I mezzi pubblici dovranno essere sanificati almeno una volta al giorno.

Treni
Il treno potrà essere fermato dalle autorità sanitarie e dalla polizia ferroviaria laddove, dopo attenta valutazione, ci fosse il sospetto che uno dei passeggeri a bordo presenti sintomi riconducibili al COVID-19. Il convoglio interessato dovrà essere sanificato prima di tornare in servizio. Per gli hub in cui sono presenti i gate di accesso, il Green Pass deve essere controllato prima di salire a bordo. Qualora non fosse possibile e nelle stazioni minori il Green Pass deve essere controllato a bordo insieme al biglietto di viaggio.

Taxi e NCC 
Nei sedili posteriori non potranno sedersi due persone se non sono componenti dello stesso nucleo familiare. E’ possibile installare paratie divisorie nell’abitacolo tra conducente e passeggero.

Fonte: www.mit.gov.it


Iscriviti alla nostra newsletter